QUALIFICAZIONI MONDIALI, MANCANO 180 MINUTI

Sono in programma dal 5 al 10 ottobre gli ultimi due turni dei gironi di qualificazione europei al mondiale di Russia 2018. A parte il Belgio, che ha già staccato il pass per la qualificazione nella terz’ultima giornata, sia la prima che la seconda posizione sono ancora tutte da decidere.

Va sottolineato come però basterà veramente poco a Germania, Francia, Spagna, Serbia ed Inghilterra per fare compagnia prima dell’ultimo turno ad Hazard e compagni.

Non vanno dimenticate i criteri ai quali fare riferimento in caso di arrivo a pari punti di due squadre (differenza reti totale, goal segnati, punti negli scontri diretti, differenza reti totale negli scontri diretti, goal segnati negli scontri diretti) e quelli che vedranno eliminare dai play-off la seconda squadra peggiore classificata.

Questa la situazione nei diversi raggruppamenti a 180′ minuti dal termine.

GRUPPO A – La Francia, capolista con 17 punti, dovrà cercare di superare l’ostacolo Bulgaria (con poche speranze di poter agganciare il 2° posto) per poter poi affrontare serenamente il match finale contro la Bielorussia. Dietro i transalpini troviamo la Svezia a 16 e l’Olanda a 13.

Al momento sembrano poche le speranze degli orange di agganciare gli spareggi: dovranno sperare in una striminzita vittoria degli scandinavi contro Lussemburgo e successivamente batterli il prossimo 10 ottobre nello scontro diretto per avere pari punti ed una migliore differenza reti (al momento +11 e +5).

GRUPPO B – Dando per scontate le vittorie di Portogallo Svizzera rispettivamente contro Andorra e Ungheria il prossimo 7 ottobre, le due compagini si giocheranno il primo posto, con gli svizzeri attualmente a quota 24 ed i lusitani a quota 21, il 10 ottobre in Portogallo.

Visto il prossimo avversario e visto l’attuale vantaggio nella differenza reti (+24 contro +15), saranno Ronaldo e compagni a festeggiare la qualificazione diretta in caso di vittoria nello scontro diretto.

GRUPPO C – La Nord Irlanda cercherà l’impresa contro la Germania nel match in programma giovedì alle 20.45. Ai campioni del mondo in carica basta un pari per avere la certezza del primo posto e della qualificazione con una giornata di anticipo.

I nord irlandesi potranno giocarsi il tutto per tutto essendo già certi della seconda posizione, ma anche vincendo avrebbero poche speranze di qualificazione diretta. Nell’ultimo turno infatti i tedeschi ospiteranno l’Azerbaijan.

GRUPPO D – La Serbia (18 punti) ha l’occasione di chiudere il discorso 1° posto con una giornata di anticipo battendo un Austria oramai definitivamente fuori dai giochi. Galles (14 punti) ed Irlanda (13 punti), si giocheranno probabilmente il secondo posto l’ultima giornata quando saranno l’una di fronte all’altra (sembrano scontate la vittoria gallese contro la Georgia e quella irlandese contro la Moldova). Differenza reti a favore di Bale e compagni (+7 contro +3).

GRUPPO E – E’ corsa a tre tra Polonia (19 punti), Montenegro (16 punti) e Danimarca (16 punti). Sul campo dell’Armenia Lewandowski e compagni hanno la possibilità di raggiungere la qualificazione con una giornata di anticipo, anche perchè qualche ora dopo le altre due squadre si affronteranno nello scontro diretto.

Un pari promuoverebbe la Polonia. Dovessero invece avere la meglio i montenegrini si presenterebbero all’ultima sfida contro i polacchi dell’8 ottobre con la possibilità di giocarsi il 1° posto basandosi su una attuale migliore differenza reti (+11 per il Montenegro, +7 per Polonia, +11 per la Danimarca). In caso contrario ad essere in pole sarebbero i danesi, che nell’ultimo turno se la vedranno contro la Romania, già eliminata.

GRUPPO F – In corsa ancora in 4. Inghilterra (20 punti), Slovacchia (15), Scozia Slovenia (14). Inglesi nettamente favoriti per la conquista del primo posto, potrebbe anche bastare un pari contro la Slovenia in caso di mancata vittoria della Slovacchia in Scozia.

A loro volta gli slovacchi potrebbero anche accontentarsi di un pari (dando per scontata la sconfitta della Slovenia) e conquistare gli spareggi in occasione dell’ultimo turno interno contro Malta (nell’ultimo turno anche Slovenia contro Scozia).

GRUPPO G – La Spagna (22 punti) potrà permettersi anche un passo falso contro Albania o Israele ed essere comunque quasi certa del primo posto data la migliore differenza reti (+29 contro +12) nei confronti dell’Italia (19 punti). Pochissime le speranze dell’Albania (13 punti), che dovrebbe vincere entrambe le partite, compreso lo scontro diretto dell’ultimo turno contro gli azzurri, e segnare valanghe di goal (differenza reti a +1).

GRUPPO H – Con il Belgio (22 punti) già qualificato, sarà lotta per il secondo posto tra Bosnia (14 punti) e Grecia (13 punti). Dzeko e compagni se la vedranno contro Diavoli Rossi ed Estonia, gli ellenici contro Cipro (10 punti) e Gilbiterra. I ciprioti, con due vittorie e i relativi passi falsi di chi li precede, possono ancora sperare matematicamente negli spareggi.

GRUPPO I – E’ il gruppo più equilibrato. Croazia (16 punti, differenza reti +9), Islanda (16 punti, differenza reti +4), Turchia ed Ucraina (14 punti ed entrambe con differenza reti +4). Croati favoriti per il 1° posto visto l’impegno casalingo contro la Finlandia e vista la contemporanea sfida tra Turchia ed Islanda.

Ne può approfittare per avvicinarsi al secondo posto l’Ucraina che farà visita al Kosovo. Utimo turno anch’esso interessante con Ucraina-Croazia. Tre punti possibili per Islanda (contro il Kosovo) e Turchia (fuoricasa contro la Finlandia).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *